L’Onore e il Rispetto 3: Riassunto quarta puntata del 25 settembre 2012

L'Onore e il Rispetto 3, riassunto quarta puntata del 25 settembre 2012 Ieri sera su Canale5 a partire dalle ore 21:10 è andata in scena la quarta puntata della fiction di RTI, L’Onore e il Rispetto 3, questa settimana in doppio appuntamento. Già, perchè a quanto successo nella puntata di ieri, si collegherà un nuovo episodio che andrà in onda stasera 26 settembre, il penultimo della terza serie de L’Onore e il Rispetto. Come già detto nelle anticipazioni, la quarta puntata ha rappresentato un’importante chiave di svolta per molteplici situazioni della fiction e caratterizzata da un susseguirsi di sensazionali ed inattesi colpi di scena.

Pubblicità

La quarta puntata inizia proprio dall’incontro tra Tonio Fortebracci e Concetta De Nicola detta Tripolina; una presentazione molto particolare quella di Tonio, che dapprima fa ricevere la testa di Veneziani alla De Nicola e successivamente si presenta sull’uscio di casa della donna con una pistola puntata. Cosa vuole Tonio da Tripolina? Il Fortebracci ha un piano ben preciso: vuole far sposare il figlio il figlio incensurato alla De Nicola con la figlia di Mancuso grazie al quale la Tripolina otterrà tutti i beni dei padrini, e Fortebracci sarà suo socio. Prima però resta da terminare l’assassinio di tutti i partecipanti allo stupro della figlia Venere. Intanto la fidanzato del figlio incensurato della De Nicola decide di denunciare Tripolina, ma giunta in questura decide di non farlo; all’uscita dalla stessa, il fidanzato (l’aveva inseguita) le chiede il motivo per cui si trovasse li, e lei gli spiega che conosce il piano di Tonio e vuole denunciare Tripolina affinchè il matrimonio non avvenga. Il figlio incensurato della De Nicola promette alla sua fidanzata che ultimata la vendetta di Venere, fuggirà via con l’amata. Nel frattempo Tonio vuole concludere l’accordo con il Barone De Nisi per l’acquisizione delle quote della Liguorium; Tony Di Maggio e Billy Ferlito negli States attendono ancora che il Fortebracci avvii il traffico di stupefacenti ed hanno il timore che ciò non avvenga mai. Ci pensa Saro Ferlito a far dormire sonni tranquilli alla cosca negli States. Nel momento in cui il De Nisi era in procinto di passare la Liguorium in consegna a Tonio, la nipote Angelica si intromette nella trattativa mandando a monte la stessa; l’eterna rivale in amore della figlia del Barone, anch’essa innamorata follemente di Tonio, confida al Barone che Tonio è un mafioso. Successivamente il Barone annulla l’appuntamento con Tonio per la conclusione della trattativa; ci penserà poi la figlia di Tonio a far incontrare ugualmente il Fortebracci e il Barone, dove alla fine Tonio convincerà il Barone. A metter nuovamente il bastone tra le ruote a Tonio ci pensa Angelica, che investe volontariamente il Barone immediatamente dopo l’appuntamento con Tonio. Il motivo? Il Barone ha lasciato un testamento a favore di Angelica, e la ragazza ha deciso di uccidere suo zio per far si che quest’ultimo si materializzasse (aveva paura che l’entrata di Tonio e l’amore con la figlia pregiudicasse il suo futuro nella Liguorium). Ad uccidere del tutto il Barone ricoverato in ospedale, sarà proprio la nipote Angelica che dapprima stacca i collegamenti della camera con la sala di controllo e successivamente toglie l’ossigeno a suo zio. La figlia del Barone De Nisi è disperata.

Disperazione anche per il padrino Veneziani a seguito della morte di suo figlio. Mentre i padrini meditano una soluzione per uccidere Tonio, in quanto credono sia lui la mano di tutti i recenti omicidi, contattano Tripolina per rapire il Giudice De Santis dai suoi figli. La De Santis viene rapita, ma non le viene fatto nulla in quanto dietro tutto c’è proprio Tonio, d’accordo con la stessa Tripolina. Dopo la passione di una notte tra Tonio e la De Santis, Tripolina contatta il Giudice per informarla di una nuova idea dei padrini: Un immediato agguato a Tonio da parte di Veneziani all’esterno del luogo dove si trovava assieme al Giudice. Tonio esce per primo, la Giudice lo insegue per informarlo dell’agguato, ma non riesce a fermarlo: Veneziani è pronto per esplodere i colpi sull’uomo, ma la De Santis si frappone tra gli stessi e l’amato Tonio e viene così uccisa. Disperazione massima per il commissario Renè Rolla (Francesco Testi) che arresta subito Tonio senza avere alcuna prova; motivo per il quale grazie ad un avvocato mandato da Saro Ferlito, Rolla è obbligato a rilasciare Tonio poco dopo. Si innesca un’altra guerra: Quella tra Rolla e Tonio Fortebracci! Intanto i padrini hanno compreso che dietro Tonio c’è Saro Ferlito e decidono così di andarsi ad inginocchiare al “U Burattinaio”, il quale non intende assolutamente tradire la parola data a Tonio, ed invita i padrini a “pregare”, facendo loro intendere che ben presto Tonio si vendicherà di loro per l’uccisione di tutta la sua famiglia. Il primo a farne le spese è Veneziani, ucciso brutalmente da Tonio, per vendicare la morte della De Santis. L’unica soluzione dei padrini per uccidere Tonio? Contattare Carmela Di Venanzio negli States, la quale informata da Mancuso circa l’essere in vita di Tonio (credeva fosse morto), prepara le sue mosse (nel frattempo il figlio di Tony Di Maggio le sta facendo la corte, ma lei vuole le attenzioni di Tony…nella puntata di stasera capiremo meglio il perchè). Dopo l’uccisione della De Santis, Tonio prende una dura decisione: Mandare via sua figlia Antonia dall’Italia, al fine di salvaguardarle il suo futuro. Con l’aiuto del suo amico Ricky, Antonia viene portata negli States; Tonio soffre per la decisione ma è l’unica cosa da fare per non far uccidere anche sua figlia, così come già avvenuto con tutti i suoi cari. Ora Tonio è solo, e lotta contro tutti. Con lui la cosca dei Ferlito e una parola sola: Vendetta! Nella puntata di L’Onore e il Rispetto 3 (PENULTIMA) in programma stasera 26 settembre, i colpi di scena non mancheranno. A più tardi per le anticipazioni pre-puntata!