Ris Roma 3 Delitti Imperfetti: Trama prima puntata 3 ottobre 2012

Ieri sera su Canale5 è andata in onda la prima puntata della nuova serie di Ris Roma (3) Delitti Imperfetti; preparata da oltre un anno, la nuova serie è statata riposta negli archivi Mediaset a lungo, ma da ieri 3 ottobre i Ris di Roma sono nuovamente sull’ammiraglia Mediaset. La terza serie della fiction prodotta da TaoDue per RTI è suddivisa in 20 episodi (compresi quelli di ieri sera) che formano 10 puntate. Il fatto principale della prima puntata di Ris Roma andata in onda ieri sera è senza dubbio il ritorno di Mario Pugliese, meglio noto come Lupo che di lì a poco tornerà a formare la sua spietata banda, la “Banda del lupo”. Il primo episodio in assoluto della nuova stagione di Ris prende il nome de “Il ritorno del lupo” mentre il secondo si intitola “Più spietato che mai”. Andiamo di seguito a riassumere i due rispetti episodi andati in onda ieri sera.

Pubblicità

Trama primo episodio prima puntata Ris Roma 3 Delitti Imperfetti del 3 ottobre 2012/ episodio- “Il ritorno del lupo”: Nel primo episodio della nuova stagione di Ris assistiamo alla sconvolgente notizia che destabilizza la “calma apparente” del Ris: Un agguato in pieno centro a Roma ai danni della penitenziaria ha comportato la morte di un uomo del commando e uno della penitenziaria e altri quattro agenti di Polizia Penitenziaria gravemente feriti agli arti inferiori (colpi d’arma da fuoco); oltre al disastroso “bollettino da guerra” si aggiunge la terrificante notizia dell’evasione di Stincone, avvenuta proprio nel corso dell’agguato al furgone della penitenziaria. Stincone era sul furgone per essere tradotto in altra località; ma chi poteva sapere che sul furgone c’era Stinco? Ovviamente Mario Pugliese, il Lupo dell’ex banda, che ora ha un nuovo obiettivo: Formarla nuovamente e prendersi gioco dei Ris, fare i soldi e fuggire all’estero per sempre! Ci riuscirà? Dopo esser stato liberato da Mario, Stincone alias “Scimmia” nella banda, viene portato nel posto segreto dove il Pugliese alloggia e studia le mosse per ricreare la banda; li affida a Scimmia tutti i mezzi tecnologici con uno scopo ben preciso: entrare nel server del Tribunale di Roma. Perchè? Restano da liberare Ninni Zanchi (Maiale) e Gerry Pugliese, fratello minore di Mario e il “Tigre” della banda. Dopo ore ed ore di lavoro alla fine Stincone riesce nell’impresa ed attiva l’allarme proprio nel momento in cui Zanchi e Gerry Pugliese si trovano in Tribunale per la prima udienza; come da prassi nelle emergenze in Tribunale, i processati vengono portati in una camera sottorranea del Tribunale, e così avviene. Proprio mentre Ghirelli e la Brancato arrivano per supervisionare i due detenuti, un potente scoppio squarcia il muro della camera di Zanchi e Gerry e i due riescono ad evadere, accompagnati sino ad un’auto pronta ad attenderli, da Mario Pugliese (travestitosi per l’occasione). I Ris proseguono le indagini per comprendere chi sia a riferire le informazioni al Lupo, e nella specifica occasione indagano su chi avesse potuto dare il pass al Lupo per accedere con libertà nei sotterranei del Tribunale. A tal proposito la Brancato e Ghiro convocano più volte il noto avvocato Guidi, ormai ex legale della banda, per chiedere lumi circa il ritorno di lupo e delle due evisioni. Guidi smentisce prontamente i Ris, dicendo che non ha più nulla a che fare con le pratiche di difesa della banda e non c’entra nulla con i recenti accadimenti. Lucia e Ghiro sospettano che sia proprio Guidi ad aver dato il pass a Lupo e le informazioni ncessarie per le evasioni degli altri componenti. Intanto la banda è nuovamente formata: Lupo, Scimmia, Maiale e Tigre sono nuovamente insieme e preparano il nuovo “primo” colpo. Importante informazione: I ris arrivarono a capire che ci sarebbe stato un agguato al tribunale dopo aver preso due membri provvisori della banda utilizzata da lupo per far evadere Scimmia. Una società che serve distributori automatici è la chiave di accesso per entrare liberamente nel tribunale; i ris Roma sono arrivati a ciò a seguito di alcune impronte lasciate dal commando in un furgone (poi bruciato) da parte dei membri cui si è servito inizialmente Lupo.

Trama secondo episodio prima puntata Ris Roma 3 Delitti Imperfetti del 3 ottobre 2012/ episodio- “Il ritorno del lupoPiù spietato che mai”: Il secondo episodio verte su un caso corrente e sull’indagine per scoprire la spia che serve le informazioni a Lupo e dove si nasconde la banda appena ricreata. Ghiro chiede alla Brancato di volersi occupare (ad oltranza) dei casi correnti, lasciando le indagini sulla banda (lo ha fortemente destabilizzato l’evasione di Stincone, che come ricoderete era il miglior amico di Ghirelli). I Ris vengono informati dell’assassinio in una villa del celebre pianista Raffelli, il cuo corpo è stato ritrovato dalla compagna; i Ris iniziano i rilevamenti sul luogo del delitto e sul corpo di Raffaelli per scoprire eventuali elementi utili alle indagini; in un primo tempo soffermano l’attenzione sul figlio del pianista col quale l’artista aveva un rapporto conflittuale (per via della diversa passione del figlio, dj di musica house); Ghiro e Cecchi analizzano il cd inciso dal ragazzo il giorno dell’omicidio di suo padre ed estrapolano un colpo. Dal colpo estrapolato, oltre ad aver individuato l’arma del delitto, arrivano in un primo momento a comprendere che dietro tutto c’è il discografico di Raffelli, ma in un secondo momento vertono le loro attenzioni (giustamente) sulla compagna del Raffaelli, sino a farle ammettere la colpa. Da due anni Raffaelli soffriva di una malattia degenerativa alle mani, e non poteva più suonare ed incidere; aveva dunque affidato alla sua compagna le redini dell’incisioni, ma il modo di suonare della compagna non stava a andava a genio all’artista e da tempo non faceva altro che insultarla ed umiliarla “sei una cagna, sei una cagna…” così le disse quel pomeriggio, prima che un raptus omicida indusse la giovane compagna ad uccidere con un oggetto di fortuna (una statuetta di un musicista) il pianista mettendo così fine ai continui insulti dello stesso. Nel frattempo la banda effettua il primo colpo della “nuova era”; in una bisca porta via poco più di 20 mila euro, uccide una donna e lascia un ricordo ai ris…maiale! Già, nell’occasione Lupo fredda Maiale che non ebbe il fegato di uccidere la donna manifestando al contempo la volontà di uscire dalla banda; al Lupo si presenta Vincenzo detto “Censone”, che dice di esser un grande estimatore della banda e del lupo e per entrare nella banda chiede al Pugliese di poter uccidere la donna al posto di Maiale. Così avviene e Censone diventa il nuovo Maiale della banda. Dopo il primo colpo, la banda arriva in casa della Brancato e lascia un ricordino: Dopo aver distrutto tutto ciò che era possibile distruggere, lascia scritto su una finestra: “Non dimentico”. Il primo grande affronto di lupo ai Ris di Roma è appena stato fatto…ma non sarà l’unico. La puntata termina con Ghiro che arriva a casa di Selvaggia ma è troppo tardi…la banda del lupo sta stuprando l’amica-compagna di Ghirelli. Per scoprire quali saranno le sorti di Selvaggia e lo scontro a fuoco tra Ghiro e la banda bisognerà attendere i due nuovi episodi della seconda puntata di Ris Roma 2 Delitti Imperfetti in programma il prossimo 10 ottobre 2012 su canele5!

Loading…

Commenti

commenti