R.I.S Roma 3, delitti imperfetti: Riassunto terza puntata 17 ottobre 2012

Ris Roma 3, trama due episodi terza puntata del 17 ottobre 2012 Ieri sera 17 ottobre 2012 a partire dalle ore 21:15 su Canale5 è andata in onda la terza puntata della fiction RIS Roma 3 – Delitti Imperfetti, puntata chiave e come sempre ricca di colpi di scena con le indagini della Brancato che purtroppo brancolano ancora nel buio. Nello specifico i RIS, pur sembrando sempre vicini alla banda del Lupo, non riescono mai ad incastrare l’intera banda, il cui leader Pugliese, continua a corrompere le persone, utilizzandole per ottenere informazioni chiave, per poi quasi sempre ucciderle quando l’ha ottenute. Uccidere le persone “scomode” alla banda è diventata oramai un’abituè per il Lupo e la sua banda. Anche nella terza puntata di Ris di ieri sera i spargimenti di sangue da parte della banda non si sono fatti attendere; tra questi, sul finire del secondo episodio “Un pesce di nome palla” spicca anche l’uccisione di un membro dei Ris di Roma, Bartolomelo detto “Bart” ucciso proprio dal Pugliese durante un’irruzione dei Ris nel covo della banda, situato fuori Roma (Rocca di Papa). Il giovane Bart segue così Giordana, uccisa dalla neo-fidanzata del Pugliese (ex avvocato studio legale Guidi nel corso della precedente puntata) e gli omicidi del giornalista Terracciano (era sotto scorta) e di Ruta, un poliziotto colluso proprio con la Banda. I Ris di Roma escono per l’ennesima volta ancora sconfitti in una delle tante battaglie contro la banda del lupo, che ha fatto un’altra vittima; Bartolomeo oltre che un bravo ris era un bravissimo ragazzo. Chi potrà rimpiazzare Bart nella squadra per battere finalmente il lupo a suon di indagini sofisticate? Lo scopriremo senz’altro nelle prossime puntate di Ris Roma 3. Intanto andiamo a riassumere la trama dei due episodi della terza puntata andata in onda ieri sera su Canale.

Pubblicità

Trama primo episodio terza puntata Ris Roma 3 delitti imperfetti – “Il caso Sasso”: La puntata inizia con Anita Cescon, ex avvocato studio Guidi, che entra ufficialmente nella banda del lupo. Sarà il Pavone, oltre che la fidanzata di Mario Pugliese. Nel frattempo il tenente della territoriale, Sasso, è appartato nei pressi dei giardini di un parco assieme alla sua giovane fiamma, un luogo dove la notte c’è un grande traffico di sostanze stupefacenti, che non si sono fermati nemmeno davanti agli occhi di Sasso. Mentre era appartato in macchina con la giovane ragazza, Sasso vede un ingente scambio tra due ragazzi, esce all’improvviso dall’auto e corre dietro a uno spacciatore già di sua conoscenza, e dopo uno scontro a fuoco lo uccide. Sasso viene sospeso e sul caso lavorano anche i Ris con Ghirelli che fa di tutto per dimostrare la buona fede di Sasso. Il tenente è sospettato di omicidio in quanto il ragazzo ucciso è stato ritrovato disarmato. Perchè ha sparato Sasso? Lui sostiene di aver sparato al ragazzo in quanto anche lui aveva una pistola ed hanno sparato assieme. Il caso viene affidato alla Dott.ssa Melandri, con la quale Ghiro poi esce e flirta. All’inizio la Melandri nutre seri dubbi sulla buona fede di Sasso, ma alla fine da ragione a Ghirelli in quanto viene ritrovata l’arma del delitto; un ragazzo che era presente la sera dell’omicidio ha tolto dalla mano dello spacciatore rimasto ucciso l’arma e l’ha portata via, proprio nel momento in cui Sasso si era distratto (stava dando manforte alla ragazza che era con lui). Prima sul luogo del delitto trovano il proiettile e successivamente arma e complice. Il caso è risolto e Sasso ritorna operativo. E la Melandri? Inizia una relazione con Ghiro!

Trama secondo episodio terza puntata Ris Roma 3 delitti imperfetti – “Un pesce di nome palla“: Episodio a tema culinario, con due omicidi avvenuti in altrettanti ristoranti; un omicidio riguarda il giornalista da tempo sotto scorta, Terracciano, cui è stata affidata la scorta perchè si teme che la banda del lupo possa ucciderlo. E ciò avviene proprio nel corso di una cena al ristorante col suo editore. Il capo scorta e altri due poliziotti vanno a cena per sorvegliare Terracciano e portano con loro un membro dei Ris, Emiliano Cecchi. Benchè ciò, l’omicidio si materializza proprio nel ristorante e precisamente nel bagno; Mario Pugliese è riuscito ad accedere al bagno da un locale adiacente, passando da un condotto dell’aria. Poco prima Cecchi aveva controllato il bagno, così la territoriale inizia a sospettare di Cecchi e degli altri membri della scorta. Tra essi c’è una spia, chi è? Dopo molte indagini con Orlando che ha sottoposto alla macchina della verità Cecchi e i membri della scorta; viene scoperto che tra questi uno mente, e sentendosi in colpa spiega ai Ris che è un malato di gioco e proprio la sera precedente in una sala da gioco ha rivelato, non volendo, a due suoi amici che la sera successiva non sarebbe andato a giocare in quanto era a cena per fare la scorta a Terracciano. Chi lo ha ascoltato ha girato la notizia al Lupo. Di chi si tratta? Proprio di un altro poliziotto, Ruta, ucciso qualche giorno dopo mentre era in partenza per la Corsica. Intanto i Ris si avvicinano con le indagini sulla banda e Emiliano Cecchi assieme a Bartolomeo riescono a scoprire dove si nasconde la banda: Si tratta di una tenuta a Rocca di Papa. I due arrivano, ma non hanno il tempo di prendere elementi utili alle indagini e fuggire…dopo l’uccisione di Ruta, la banda e di ritorno e trova in loco Cecchi e Bart ed avvia uno scontro a fuoco con i poliziotti. Mario Pugliese uccide Bart, mentre quest’ultimo tentava di portar via materiale dalla stanza segreta dove Scimmia sta lavorando per disabilitare gli allarmi per il loro grande colpo in progetto. Per il caso corrente del secondo episodio, i Ris arrivano agevolmente a scoprire gli autori dell’avvelenamento di uno chef ad un ristoramente durante una cena a base di filetto di pesce palla, un pesce cui la vendita è illegale in Italia perchè ha un potente veleno. Alla fine si scopre che l’uomo è stato ucciso dallo stesso veleno del pesce, ma non consumato dallo chef direttamente; il potente veleno è stato nascosto all’interno delle pillole cui lo chef si serviva per curare una gastrite, omicidio messa a segno dall’amante dello chef e dal suo marito, un altro chef della zona con il quale la vittima non andava d’accordo causa problemi lavorativi e rivalità sul campo. Alla prossima puntata con Ris Roma 3, che promette un ennesimo scontro verticale tra la banda e i Ris, intenzionati a vendicare la morte di Bart.

Loading…

Commenti

commenti