Squadra Antimafia 4 Palermo Oggi: Riassunto sesta puntata 22 ottobre 2012

Il Riassunto della sesta puntata di Squadra Antimafia 4 del 22 ottobre 2012

E chi l’avrebbe mai detto che il Dott. Nobile, il potente imprenditore dell’eolico e noto per via della sua lotta mediatica alla mafia, era dietro tutto? Lui la mente per l’attentato che è costato la vita a Claudia Mares, sebbene fosse indirizzato a Rosy. Un futuro capo cosca che si prefiggeva lo scopo di mettere mano ai fondi del Comitato grazie all’ausilio di sua sorella Ilaria, l’ex compagna di cella di Rosy Abate. Tutto questo è Nobile. E il tutto stava andando secondo i piani per i possibili futuri re e regina di Palermo. La sesta puntata di Squadra Antimafia 4 Palermo Oggi andata in onda ieri sera 22 ottobre su canale5 a partire dalle ore 21:15 è stata ricca di sensazionali colpi di scena con situazioni non previste neanche dalle più fantascientifiche anticipazioni pre-puntata. Il tutto ha inizio con Palladino, Francesca Leoni (Greta Scarano) e Pietrangeli, che arrivano nella casa al mare di Calcaterra ed assistono in presa diretta all’attentato del killer commissionato da Ilaria (ex mercenario dei Mezzanotte), Nerone, alla residenza di Mimmo. Mentre Pietra insegue senza successo Nerone con quest’ultimo che decide di ucciderlo, Leoni e Palla traggono in salvo Rosy Abate e Calcaterra dall’abitazione ormai in fiamme; Calcaterra invita Palladino a portare nel garage di sua proprietà della pista di go kart abbandonata (era di suo padre), Rosy Abate. Palla è titubante ma nonostante tutto esegue gli ordini del suo superiore. Rosy viene così portata in questo luogo sicuro e sorvegliata h24 da Palladino, da Leoni e da Calcaterra, con quest’ultimo che non ha dubbi: Solo Rosy può aiutarli a scoprire chi ha ucciso Claudia Mares e sta dietro i recenti omicidi, tra cui il Contadino. Pietra tenta di convincere Palladino a denunciare Calcaterra (per aver tenuta nascosta Rosy), ma nonostante anche Palladino non veda di buon occhi la scelta di Mimmo, evitano di farlo e continuano ad indagare sulle tracce di Nerone. La svolta dlele indsgaini arriva proprio grazie alla collaborazione tra Pietrangeli e Palladino, che in studio analizzano un video amatoriale realizzato in un campo di calcio da un telespettatore durante un incontro regionale; perchè analizzano il video? E’ il punto dove è stata rinvenuta la moto utilizzata da Nerone per fugire da casa di Calcaterra dopo l’attentato. Ed infatti proprio grazie al video scoprono che dietro tutto c’è Ilaria, l’ex compagna di cella riconosciuta proprio da Pietrangeli nel filmino; nel video si è chiaramente visto il volto di Ilaria La Viola, alla guida dell’auto che ha preso Nerone dopo aver abbandonato la moto. Subito dopo la scoperta, la mobile effettua subito la retata a casa dell’ex compagna di cella dell’Abate, e al suo interno trova le conferme che la donna ha proprio a che fare con i recenti spargimenti di sangue.Al tempo stesso anche Calcaterra e Rosy scoprono che dietro tutto c’è Ilaria; la scoperta arriva proprio nell’Hotel degli Scacchi dove, grazie all’ausilio di un pentito (era il cameriere dell’Hotel) scoprono che Ilaria altro non è che la bambina che 25 anni prima accompagnava suo padre, il primo cassiere del Comitato. Ma non è tutto. Sempre grazie al pentito, Totò Alimeni (ribattezzato Cavalieri dopo la collaborazione con la giustizia), Rosy fa un’altra incredibile scoperta; il cassiere, poi ucciso proprio nella serata di 25 anni fa nell’Hotel degli Scacchi dove il Comitato fu formato, era lo zio di Rosy Abate, fratello di suo papà Santo. Perchè venne ucciso? Perchè quella sera non rispettò alcune regole e non rispose regolarmente, così venne ucciso e sepolto nello stabilimento adiacente l’Hotel. Ilaria dunque è la cugina di Rosy Abate. Scoperta a dir poco clamorosa per l’Abate, che inizia a far mente locale, ricordando in alcuni flashback le parole scambiate con Ilaria quando erano in cella assieme.

Pubblicità

Facciamo un piccolo passo indietro: Il questore e la mobile hanno scoperto che Calcaterra teneva segretamente Rosy come sua informatrice, a seguito della sparatoria intercorsa a casa di Cavalieri tra Rosy e Mimmo e Armando Mezzanotte e De Silva; tutti erano li per ottenere informazioni sul Comitato. Calca e Rosy traggono in salvo Cavalieri (Totò Alimeni) e riescono ad ottenere informazioni fondamentali sulla figura di Ilaria. Ma come hanno fatto Armando e De Silva a scovare Cavalieri? Ciò è avvenuto dopo aver estorto sotto tortura le informazioni al boss Varano, uscito poche ore prima dal carcere. Prima dell’arrivo di Calca e Rosy a casa di Cavalieri, si scopre successivamente che è già troppo tardi. De Silva ed Armando Mezzanotte hanno già in mano ciò che gli serve per arrivare ad Ilaria e Nerone; a tal guisa arrivano allo stabilimento degli Scacchi e sorprendono i due intenti a scavare sotto la sabbia per ritrovare il cadavere di Carmelo Abate, papà di Ilaria e zio di Rosy, ex cassiere del  Comitato.

Scoperte sconvolgenti: Le scoperte sconvolgenti della sesta puntata di Squadra Antimafia non terminano qui. Dopo la scoperta da parte di Rosy ( e non solo ) che Ilaria La Viola è in realtà Ilaria Abate, sua cugina carnale e figlia di Carmelo fratello di Santo, presto si arriva a comprendere la reale identità dell’imprenditore Umberto Nobile, che ricordiamo esser l’attuale fidanzato di Francesca Leoni. Dopo aver catturato Ilaria e Nerone allo stabilimento degli Scacchi, de Silva e Armando portano i due nel nascondiglio dei Mezzanotte, dove Armando e suo fratello tentano di estorcere ad Ilaria il nome di colui che impartisce gli “ordini” alla cugina di Rosy; si tratta di suo fratello, Carmine! Dante effettua una telefonata col cercapersone utilizzato da Ilaria, e dall’altra parte squilla il telefono a casa Nobile, intento ad un incontro passionale con Francesca Leoni. Sarà un caso? Per null’affatto! Umberto Nobile in realtà è Carmine Abate, fratello di Ilaria e dunque cugino di Rosy. Anche la Polizia arriva a comprendere ciò, grazie all’ausilio di Rosye  del pentito, dopo che Pulvirenti ha dato l’ok a Mimmo per una collaborazione speciale sotto stretta sorveglianza tra lui e Rosy. La sesta puntata di squadra antimafia 4 termina con Mimmo e Rosy che giungono all’appartamento di Claudia Mares (prima di questo sono andati a trovare Leonardo all’ospedale) e sono protagonisti di un’ennesima scoperta che ha del clamoroso: IL VIDEOMESSAGGIO che Claudia Mares stava registrando per spiegare a Mimmo la sua partenza e il ritiro dalle indagini della Duomo (non riusciva a farlo di persona). Il videomessaggio, che termina con la telefonata di Rosy che chiedeva aiuto alla Mares dopo esser evasa dal bunker grazie ai Mezzanotte e De Silva, ha un contenuto molto forte per Domenico. Il figlio che la Mares portava nel grembo non apparteneva a lui! Tutto lascia dunque presagire che la Mares avesse una doppia vita, mai scoperta da Domenico e che con molta probabilità aveva deciso di ritirarsi dalla Duomo e di prendersi un periodo di pausa dalla storia con il Vicequoestore Calcaterra proprio in virtù di ciò. Ora i dubbi e le ipotesi sono moltemplici e reindirizzano gli oltre 5,2 milioni di telespettatori che ieri sera hanno seguito la sesta puntata di sam4 in più direzioni: A questo punto cosa nascondeva Claudia Mares? Chi era l’uomo segreto con il quale aveva una relazione segrata e che dunque sarebbe stato il padre del futuro nascituro?

Appuntamento a lunedì 29 ottobre 2012 con la settima puntata di Squadra Antimafia Palermo Oggi 4. Nuove sensazionali scoperte terranno incollati i tantissimi fedeli della fiction di Taodue, sempre su Canale5! Ed avremo finalmente l’atteso faccia a faccia tra Rosy ed Ilaria…e non solo! I Mezzanotte saranno i nuovi regnanti di Palermo? Tutto lascia presagire che andrà proprio in tal direzione…Mimmo Calcaterra e Duomo permettendo!

Loading…

Commenti

commenti