R.I.S. Roma 3: Riassunto della quarta puntata 24 ottobre 2012

Riassunto quarta puntata ris roma 3 episodi del 24 ottobre 2012

Ieri sera è andata in onda la quarta puntata di Ris Roma 3, delitti imperfetti, una puntata caratterizzata dal risveglio dopo un lungo coma farmacologico a seguito dell’intervento in urgenza, da parte di Bart, che ricorderete rimase a terra dopo la reta nella villa dove si nascondeva la banda del Lupo (e preparava l’importante colpo). La terza puntata terminò proprio con Cecchi che urlava all’amico e collega Bart di non morire dopo esser stato sparato da da Pugliese (Lupo). La quarta puntata di Ris Roma 3 di ieri sera 24 ottobre 2012, che ha ottenuto in media 3,919 milioni (per la prima volta non ha superato quota 4,0mln), si è come sempre suddivisa in due episodi, con altrettanti casi, oltre alle indagini da parte della Brancato e & per catturare una volta per tutte Pugliese e i suoi uomini.

Pubblicità

Nel primo episodio intitolato “In assenza di cadavere”, in una grande villa alla periferia di Roma vengono trovari schizzi di sangue da tutte le parti e diversi oggetti messi in malo modo; tutto lascia presagire ad una colluttazione avvenuta all’interno della stessa, ma il cadavere i comunque il corpo dei feriti non viene trovato. I Ris di Roma indagano e dopo aver ascoltato il proprietario della villa, un ricco imprenditore (Battaglia), si rendono conto che con molta probabilità dietro tutto c’è sua figlia Marina, di cui l’ex moglie non ha notizie da oltre un giorno. I Ris indagano e dopo aver convocato una sua amica, comprendono che la villa è stata utilizzata per un festino a quattro a base di sesso, alcool e stupefacenti. Qualcosa andò storto però quella sera e la diciassettenne fu colpita da un ragazzo che la voleva ricattare per alcuni scatti proibiti in suo possesso. I schizzi di sangue appartengono proprio alla figlia di Battaglia e alla fine i Ris, a seguito dei rilievi e alle tracce lasciate dal Suv utilizzato dai ragazzi quella sera e grazie ai cinofili, arrivano in un cantiere e trovano il corpo di Marina, fortunatamente ancora non deceduta; dopoesser stata trasportata d’urgenza in ospedale, i Ris Roma incastrano il proprietario del suv, reo di aver abbandonato il corpo di Marina. Intanto la banda del lupo si prepara per il grande colpo, ma arriva l’intuizione di Ghiro, di Cecchi e della Brancato..anche i Ris hanno capito che la banda ha pronto il gran colpo, così muniti di pc altamente professionali a prva di hacker,dapprima Ghiro e poi Cecchi (per un’intera notte), riescono a compredere l’entità del colpo che verrà effettuato dalla banda da qui a breve. Si tratta di una banca. La banda fa irruzione nella stessa di prima mattina, ma arrivati alla cassa principale qualche cosa va storto e scimmia manda in ritirata la banda; ma cosa c’è che va storto? I Ris e nello specifico Ghirelli, che dall’altra parte riesce a bloccare telematicamente il tentativo di inserimento di pin da parte della banda per aprire la cassa. Il colpo va in fumo, e la banda riesce a fuggire coperta da due ostaggi, evitando alla territoriale di fuar fuoco su di essi.

Nel secondo episodio di Ris Roma 3 della serata, intitolato “Il Proclama”, viene trovato un uomo ucciso con un colpo di pistola fuori una cabina di un telefono pubblico; chi è l’uomo? Si tratta di un barbone detto “Baffo” ex archietto finito in rovina “grazie” all’alcol. I Ris indagano partendo dalla vita di Baffo e da un pc di sua proprietà rinvenuto nella caritas dove mangiava; all’interno i ris ritrovano diverse foto di una ragazza, sua figlia, morta diversi anni prima in un incidente stradale. Nel pc di baffo i ris trovano la ricostruzione delle dinamiche dell’incidente e alla fine comprendono che baffo sapeva che l’incidente era in realtà un omicidio. Pian piano i Ris scoprono che era la figlia adottiva di baffo e così convocano la mamma naturale della ragazza morta nell’incidente e dopo aver indagato sulla famiglia della mamma, convocano il figlio della stessa, un ragazzo di 25 pregiudicato (la famiglia vive zona Tor Bella Monaca). Grazie alle impronte lasciate dall’assassino sulla porta della cabina e dopo aver indagato sulla famiglia della mamma naturale della ragazza uccisa nell’incidente col motorino, alla fine si scopre che quell’incidente era proprio un omicidio e l’autore del crimine fu il figlio della mamma naturale della ragazza; ed è lo stesso anche di baffo. Il ragazzo ha uccise la ragazza per far uscire dalla vita di sua mamma la ragazza, mentre ha ucciso baffo per non farlo denunciare, in quanto aveva scoperto tutto. L’episodio si conclude con l’arresto del ragazzo, e con il lupo che mette a segno un’altra vendetta. Irrompe in uno studio televisivo durante uno speciale proprio sul lupo…lo scopo del lupo è ben preciso. vendicarsi della Brancato! Il professor Greco era ospite proprio della trasmissione tv per parlare della personalità del Pugliese, e dopo aver fatto irruzione in diretta tv il lupo è pronto per sparare a Greco uccidendolo dinanzi gli occhi della Brancato, telespettatrice. La quarta puntata di Ris Roma 3 termina proprio col dubbio se Greco è stato ucciso o meno dal Lupo. Orlando Serra, dopo aver allontanato per forza di cose la Brancato, ancora non sa che la donna lo sta tradendo proprio con Greco.

Loading…

Commenti

commenti