Ex Grande Fratello: Sheila Capodanno contro il reality! Perchè?

Sheila Capodanno, ex grandefratello 11, si sfoga contor il GF!

E’ il momento di concentrare la nostra attenzione su una ex concorrente dell’undicesima edizione del Grande Fratello, Sheila Capodanno, in quanto di recente attraverso il suo blog personale ha svelato i retroscena del reality show cui ha partecipato.

Pubblicità

Ecco i dettagli di quanto asserito da Sheila:

“Nessuno di noi è tornato come prima. Molti degli ex gieffini sono rimasti attaccati a quel sogno di fama e di gloria; per poi essere sbattuti di nuovo nel mondo reale: “Non ci servi più.” “Lo show per te è finito.” “Avanti il prossimo.”Altri rimangono troppo tempo sotto le luci dei riflettori e si bruciano perché non sanno come proteggersi da quella luce abbagliante che si chiama: popolarità. Perdono il contatto con la realtà, con le persone care, con il denaro. Non sono più se stessi ma l’immagine che gli altri hanno fatto di loro. Diventano personaggi da copertine, smettono di sentirsi persone; si trasformano in pupazzi adattati ai salotti televisivi, malleabili come creta da autori e giornalisti senza scrupoli. Per fortuna (o per sfortuna) alla fine, che sia un bel sogno o un incubo, tutto finisce; eppure il risveglio può essere ancora più traumatico del sogno stesso. Perché il giorno in cui non fai più parte del circo(lo) mediatico, non hai più un posto dove andare, non sei più nessuno. Sei costretto di nuovo a guardarti allo specchio senza nessuno che ti idolatra. Anche io, come tutti, ho fatto del mio meglio per far sì che le luci dei riflettori non si spegnessero del tutto. Ho evitato il gossip, perché ho scelto di rimanere dietro le quinte a scrivere i miei articoli, piuttosto che inventarmi finti flirt per ottenere un quarto di copertina. […] La seconda è più complicata da spiegare, ma è una delle ragioni per cui i concorrenti soffrono maggiormente una volta usciti dal programma. Prima di entrare nella “Casa”, i futuri concorrenti firmano un contratto di esclusiva con Endemol che dura per circa un anno. Il compenso che la società corrisponde (per essere precisi, corrisponderà dopo diversi mesi) è una cifra irrisoria in confronto alle clausole che vengono imposte, tanto che gli avvocati definiscono questo genere di contratti: “capestri”. In parole povere, non c’è parità tra le parti nel “dare a ricevere”, perciò se lo firmi o sei pazzo o disperato o entrambe le cose. Ma quelle sono le condizioni per realizzare i tuoi sogni, perciò firmi il patto col diavolo e speri di riavere indietro la tua anima, una volta scaduto. Da quel momento in poi sei proprietà Endemol, il che significa che non puoi in alcun modo sfruttare la tua immagine a scopo di lucro, benefico o pubblicitario(ma loro sono liberi di farlo quando vogliono), pena il pagamento di penali con cifre da capogiro. Questo significa che non puoi partecipare a trasmissioni di emittenti concorrenti, né presenziare a ospitate nei locali, né rilasciare interviste senza il loro consenso; altrimenti ti tocca accendere un cero alla Madonna o darti fuoco, a meno che tu non abbia intenzione di tentare una rapina in banca, vincere alla lotteria o darla/o al parlamentare di turno. Ma come vi dicevo, tutto questo non ha importanza quando sei ancora il Signor/a Nessuno/a perché hai solo uno scopo davanti: diventare ”Taldeitali del Grande Fratello numero X”. Una volta fuori però, quel contratto diventa il vero ostacolo al tuo futuro e l’unico modo che hai di espiarlo è ricomprare indietro la tua anima. Come oggetti all’asta, la tua immagine ha un cartellino di partenza, con tanto di prezzo e di gioco al rialzo tra le agenzie ( e le cifre non sono a portata di tutte le tasche). Perciò preghi che qualcuno ti compri così puoi iniziare a lavorare e a guadagnare quei soldi facili che ti sono stati promessi. Purtroppo questi sono tempi di crisi, anche nel settore dello spettacolo, e di agenti disposti a sborsare tra i 5.000 e i 10.000 euro non ce ne sono, per comprare il cartellino dei primi eliminati (che intanto vivono l’angoscia di essere dimenticati dagli spettatori). Le agenzie preferiscono investire nelle “galline dalle uova d’oro”, ovvero i finalisti; perciò risparmiano in attesa della fine del programma e se non riescono ad accaparrarsi i migliori, ripescano gli “scarti”. Così passano i mesi e tu rimani a casa, in attesa del ripescaggio. Ed è per questo che non ho guadagnato quello che mi aspettavo, perché non ho trovato un agente che mi “comprasse”all’ingrosso come pesce al mercato, per poi rivendermi al dettaglio ai gestori delle discoteche.“

E voi gentili lettori di grandefratellonews.com, telespettatori ed amanti del reality di Endemol, cosa ne pensate? Ritenete condivisibili ed attendibili le parole di Sheila? A voi sono affidati i commenti sul caso ivi proposto.

3 Commenti

  1. Vorrei specificare che non sono contro il reality del GF. Infatti nell’ultimo pezzo del mio post sul blog “Sheilaful”, dichiaro che lo rifarei, ma diversamente da come ho fatto ed ammetto di aver giocato male le mie carte: “E’ stata l’esperienza più incredibile della mia vita e nonostante tutto la rifarei ancora, vorrei solo avere posseduto quel pò di saggezza che ho conquistato, quella saggezza che oggi non avrei se non avessi varcato quella soglia.” cito testualmente.
    Io me la prendo contro il sistema televisivo in generale e non contro il programma. La mia è un’analisi ed una riflessione sulla mia vita (che è quello di cui scrivo nel blog)a due anni di distanza da una delle esperienze più incredibili che ho mai vissuto e che mi ha cambiato come essere umano. Spero di aver fatto luce su alcuni punti oscuri e vi ringrazio per l’attenzione.
    Sheila Capodanno

  2. cara sheila, tu sei consapevole che ci sono famiglie che non arrivano a fine mese? da quanto mi ricordo tu sei una giornalista e quindi sai leggere bene, come mai hai accettato se le cose non ti andavano bene? i soldi facili fanno gola tutti, questo vuol dire che nella vita bisogna accettare delle regole, io sono costretta ad accettarle piu o meno, se non peggio, per 500 euro al mese con contratto a termine con la continua minaccia di essere licenziato, e in italia non sono l unica, un altra cosa voi del gf smettetela di sputare sopra al piatto che vi fa mangiare, e incominciate ad usare un po di umilta

Loading…

Commenti

commenti