Grande Fratello 12: Pianti e disperazione per Luca Di Tolla

I PIANTI E LA DISPERAZIONE DI LUCA DI TOLLA

Nella casa i momenti di tristezza e sconforto causati dalla lontananza dagli affetti familiari e cari ai concorrenti, conditi da una convivenza e reclusione forzata, riguardano di volta in volta tutti i concorrenti.

Pubblicità

Ve lo aspettavate che anche lo squalo bianco della casa del Grande Fratello, Luca Di Tolla, primo fautore della spaccatura interna alla dodicesima casa di Cinecittà, fosse protagonista di un momento di pianti e di disperazione? Purtroppo al gf accade anche questo, ed è quanto abbiam visto nel corso della giornata di ieri all’interno della casa.

La fronda separatista della casa, formata dallo stesso Luca, dall’amico Filippo e dalle donne Floriana ed Enrica, si trovano in sala relax (la loro casa oramai) e fanno un gioco chiedendo reciprocamente al compagno/a, i ricordi più belli e quelli più brutti, vissuti nel corso della loro vita fuori la casa del grande fratello. Tutti in un modo e nell’altro raccontano le varie vicissitudini cui sono stati protagonisti, ma quando è giunto il turno del Di Tolla, visibilemente provato dal racconto, si lascia andare in un pianto ininterrotto; Luca ha spiegato che quando faceva il bagnino ha salvato la vita ad un bambino, e raccontando i dettagli, non riuscendo a trattenersi, ha iniziato a piangere; subito il conforto degli amici della fronda, in special modo da parte di Enrica Saraniti e Filippo Pongiluppi, il suo grande amico della casa.

Luca spiega che il suo pianto non è dovuto solo all’emozionante ricordo del salvataggio del bambino quando era bagnino, ma che è frutto dello stress accumulato nell’ultimo periodo all’interno della casa, dalle feroci litigate affrontate nei giorni scorsi, alle provocazioni dei “rivali della casa” e a tanti altri fattori ad questi connessi.

Poi Luca, vittima del totale sconforto ammette: “Forse è meglio che esco lunedì”. A seguito di questa affermazione, subito gli amici iniziano a retarguirlo, dicendogli che non si può esser sempre forti, e che i momenti di tristezza e malinconia capitano a tutti, ma questo non vuol dire, rinunciare all’importante possibilità di esser presenti tra i concorrenti ufficiali della dodicesima edizione del Grande Fratello. Come dargli torto?

Un commento

  1. lo squalo vuole uscire facciamolo contento uniamoci tutti e buttiamolo fuori votiamo tutti luca persona inutile e volgare

Loading…

Commenti

commenti