Grande Fratello 12: Le motivazioni della sofferenza di Luca

LA SOFFERENZA DI LUCA, LE MOTIVAZIONI AD ARMANDO

Nella giornata di ieri pomeriggio vi avevamo parlato di una nuova crisi dello squalo buono di casa, Luca Di Tolla, ancora una volta scaturita in un incessante pianto. Stavolta siam andati a fondo alla questione, e dopo aver osservato attentamente Luca nel corso dell’ultima giornata appena trascorsa nella casa, siamo stati telespettatori di una sua importante confessione rivolta all’architetto di casa, il siciliano Armando Avellino, già impegnato in questi giorni a risolvere i dubbi amorosi che lo “assillano”. La crisi dello squalo è di tutt’altra natura, rispetto a quella dell’Avellino; per lo squalo non si parla di problemi d’amore e cuore, ma di una profonda crisi causata da gravi problemi familiari passati e purtroppo ancora presenti.

E’ un freddo pomeriggio in casa, e Luca ed Armando decidono di passare alcune ore per avere un confronto pacifico. Armando spiega allo squalo di essersi completamente ricreduto sul suo conto, elogiandolo per la grande umanità e spirito d’iniziativa all’interno della casa; Armando specifica al buon Di Tolla che nel passato aveva un’idea sbagliata sul suo conto condizionata esclusivamente dal modo con il quale si opponeva agli amici della casa, e dal violento modo di reagire in apparenti e pacifiche discussioni. Luca dimostra d’esser molto amareggiato a seguito delle parole dell’Avellino riguardanti il suo trascorso in casa, ma al tempo stesso è entusiasta di ascoltare come il sicialiano sia riuscito a ben ricredersi sul suo conto; successivamente Luca decide che sia giunta l’ora di rivelare all’Avellino le motivazioni delle sue crisi e della sua violenza in casa.

Luca spiega ad Armando di esser fortamente legato alla madre e che questa lontananza forzata lo sta deteriorando all’interno; specifica d’esser sicuro del fatto che la madre necessiti dell’apporto morale e materiale di Luca, e il motivo è la grande sofferenza causata dall’interminabile battaglia che da anni la famiglia Di Tolla affronta: La lotta tra la vita e la morte che vede coinvolto il papà di Luca. Luca spiega che le sue violente reazioni in casa, pur essendo consapevole di sbagliare in toto, specifica che siano causate dalla profonda sofferenza che quotidianamente vive in lui e nella sua famiglia di Eboli.

Luca spiega inoltre ad Armando che la violenza scaturita dalle sue eccessive reazioni è solo frutto di tanta rabbia ed angoscia con la quale quotidianamente convive non riuscendo però a combattere come vorrebbe. Armando dimostra d’esser molto comprensivo alle parole dell’amico di casa ritrovato, ed ascolta con attenzione le parole del Di Tolla, incoraggiandolo a lottare con tutte le sue forze per sconfiggere il male.

Grande Fratello 12: Ilenia contro Fabrizio, Yassine e Chiara

Grande Fratello 12: Guendalina e Rudolf, chi mente spudoratamente?