Isola dei Famosi 11, Alessandro Calabrese del GF14: “Piangono tutti e nessuno dice niente. Io venivo massacrato”

gossip-grande-fratello-14-lidia-adesso-e-gelosa-di-alessandro-600x300Alessandro Calabrese è stato uno dei concorrenti del Grande Fratello 14, vinto da Federica Lepanto. Quello di Alessandro è stato un percorso molto difficile. All’inizio del reality infatti finì in garage insieme a Federica Lepanto con cui c’è stato un bacio. Peccato però che il gieffino non sapeva che una settimana dopo avrebbe incontrato la sua ex Lidia Vella, anche lei concorrente del Gf. A causa di questa situazione, Alessandro Calabrese ha trascorso gran parte del tempo in casa a piangere per la sua situazione sentimentale, beccandosi la nomea di “piagnone”. L’ex gieffino romano, in questi giorni, vedendo una puntata dell’Isola dei Famosi piena di pianti e lacrime ha deciso di pubblicare un post su Instagram rivolto a tutti coloro che l’hanno criticato: “Come mai all’Isola, alla prima settimana, alla prima pressione piangono tutti e nessuno dice niente? A me hanno messo pressioni 12 puntata su 12, ho pianto dopo un mese e mi hanno massacrato per prima i “critici” e poi, di conseguenza, il pubblico… mah, cose strane”. A quanto pare ad Alessandro non è proprio piaciuto passare per “piagnone” e ha voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe. A intervenire però ci ha pensato Domenico Manfredi che ha avuto da ridire: “Credo onestamente che tu possa essere l’ultimo a potersi lamentare, ma non per quanto riguarda questa edizione ma in tutte le edizioni del GF. Non credo di aver mai visto una persona che può solo ringraziare il modo in cui è stato trattato quanto te. Nessuno di noi ha mai avuto un opinionista “personale”, a differenza tua, così come tutti noi siamo arrivati in fondo grazie al televoto (i personaggi in un reality dovrebbero essere scelti dal pubblico), a differenza tua che hai beneficiato di un particolare gioco per arrivare in finale. Non è colpa di nessuno, se qualcuno è piaciuto al pubblico più di noi, dobbiamo solo accettare il risultato che deriva dalle nostre azioni”. E voi da che parte state?

Pubblicità