Franco Nero a Domenica Live: “Quando conobbi mia moglie Vanessa Redgrave dissi che era un mostro!”

franco-nero.jpgIeri Franco Nero è stato ospite di Domenica Live. L’attore recentemente è anche apparso in un film di Quentin Tarantino. Ma non solo. L’attore è conosciuto in tutto il mondo anche per aver preso parte a pellicole come La Bibbia, Django, Keoma, Il giorno della civetta, Il delitto Matteotti, Marcia trionfale, Querelle de Brest, Il giovane Toscanini, Diceria dell’untore, Fratelli e sorelle, Jonathan degli orsi, ecc. L’attore ha colto l’occasione anche per raccontare la sua vita sentimentale. Da tantissimi anni è legato all’attrice inglese Vanessa Redgrave: “Con Vanessa Redgrave, stiamo insieme da 50 anni. La conobbi in Spagna, durante le riprese di Camelot. Chiesi chi fosse l’attrice che doveva interpretare la regina Ginevra e mi dissero che era Vanessa Redgrave. Ci trasferimmo a Los Angeles e il regista mi presentò Vanessa. Vidi questa donna con occhiali, senza trucco e jeans strappati. All’incontro, fui molto freddo e al regista dissi che era un mostro! Vanessa, poco dopo, mi scrisse un invito in italiano, invitandomi a cena. Il giorno dopo, mi presentai a casa sua ed era bellissima”. Franco Nero dopo è tornato a parlare di nuovo della sua carriera e di Quentin Tarantino: “Quentin Tarantino è un mio fan, l’ho incontrato e ha iniziato a recitare le battute dei miei film. Per convincermi a fare il cameo, mi ha raggiunto a Los Angeles e mi ha parlato personalmente. A John Huston, devo tutto. Facevo l’aiuto fotografo in uno studio. Un giorno venne un fotografo di De Laurentiis e mi chiese qualche primo piano. Avevo 21 anni. Queste foto finirono sulla scrivania di John Huston che chiese di me. Al provino, John Huston mi chiese subito di spogliarmi. Ero molto imbarazzato, c’erano un sacco di donne. Lui mi scelse per la Bibbia. E’ stato anche il mio maestro di inglese”.

Luisa Corna a Vanity: “Vinto la causa sul flirt con Bossi. Ora sto un uomo molto più giovane di me”

Alessio Bernabei e le accuse della ex Imma Ferrante: “Infame, sei un pervertito”