Lino Banfi al settimanale Chi: “Aprirò un’orecchietteria a Roma. Politica? La proposta di Bettino Craxi…”

lino-banfiLino Banfi da poco ha compiuto 80 anni. Per l’occasione il comico pugliese ha deciso di raccontarsi in un’intervista rilasciata al settimanale Chi di Alfonso Signorini. La prima cosa di cui ha parlato è ovviamente la sua cara nipote Virginia, che di professione fa lo chef. Proprio a tal proposito, Lino Banfi ha spiegato di aver intenzione di aprire un ristorante nella Capitale che sia specializzato in orecchiette: “Adesso mi tolgo anche lo sfizio di dare il mio nome a un marchio pugliese di generi alimentari, sei o sette prodotti garantiti da me, come voleva mio padre, contadino di Andria. Poi, con mia nipote Virginia, che fa la chef, a breve apriremo una “orecchietteria” a Roma, vicino a Piazza Cavour: sarà uno spaccio di orecchiette pugliese cucinate secondo tradizione”. Per quanto riguarda la politica, Lino Banfi spesso ha detto di essere di destra. Il comico inoltre ha sempre raccontato di aver detto no a chi gli ha chiesto di entrare in politica. Proprio in merito a questo Lino Banfi ha raccontato un aneddoto su Bettino Craxi, ex premier e leader del Partito Socialista: “In passato in tanti mi hanno offerto di fare politica, di candidarmi, ma io non ho mai voluto: ciascuno deve fare il suo mestiere. Era soprattutto Bettino Craxi, che fu mio grande amico, a spingere perché mi candidassi: “Ma il mio compito è far ridere”, gli rispondevo per giustificare il diniego. E lui mi ribatteva: “Perché noi, invece, che facciamo?”. Insomma sembra proprio che Banfi ne abbia di cose da raccontare sulla sua vita. Non ci resta che rinnovargli gli auguri!

Vittorio Sgarbi su Chi presenta la figlia segreta Alba: “E’ bella, intelligente ed elegante”

Belen Rodriguez e Marco Borriello escono allo scoperto: ecco le foto pubblicate da Chi